La mia Radio

Oggi è la Giornata Internazionale della Radio, nelle immagini troverete cinque curiosità sulla Radio.

In casa mia la radio e la musica in generale, vinili e musicassette, sono state la colonna sonora del quotidiano da sempre. La prima radio che è entrata nella mia vita è stata Radio 105 che ascoltavano i miei quando ero bambina, ricordo che a loro piaceva Gianni Riso. La domenica mattina alle dieci circa ascoltavamo una trasmissione che metteva le canzoni per bambini (credo sempre su Radio 105 ma non ne ho la certezza) tra cui “Per un ditino nel telefono” del Piccolo Coro dell’Antoniano, “Sei forte papà” di Gianni Morandi e “Piange il telefono” di Domenico Modugno, essendo io già allora esageratamente empatica praticamente piangevo per tutta la trasmissione! Tra l’altro la sede della Radio 105 (ho scoperto ora che mi sto documentando per scrivere questo articolo) era a pochi chilometri dall’allora casa mia.

All’inizio degli anni Novanta non esistevano gli smartphone e quindi in bagno avevamo una radiosveglia sintonizzata su Radio Italia solo musica italiana, solo che alcune canzoni venivano trasmesse talmente tanto spesso che mi sono venute in odio, tra tutte “Alta marea” di Antonello Venditti e “Mediterraneo” di Mango.

Una volta entrata nell’adolescenza era assolutamente indispensabile ascoltare Radio Deejay, nello specifico il “Deejay Time”, storico programma di Albertino, Fargetta e Molella. Ebbene sì, facevo parte anch’io degli “Amici della cassettina”, potrei avere ancora qualche audiocassetta con su registrato il programma, di sicuro ricordo la classifica di fine anno. Correva l’estate del 1993 e sono stata due mesi in vacanza in Calabria e sono impazzita a cercare di captare le frequenze di Radio Deejay e le due volte che ci sono riuscita è stata un’emozione unica! I miei amici autoctoni non capivano questa mia fissazione, ma la mia amica che viveva a Bergamo ed era anche lei in vacanza dai parenti, condivideva con me questa astinenza e la conseguente spasmodica ricerca.

In quegli anni ho passato pomeriggi interi con le dita pronte a far partire e fermare la registrazione per poter avere in unica cassetta tutte le mie canzoni preferite, altro che Spotify e Youtube music, era un’attesa infinita con tanto di gara al dito più veloce!

Negli anni successivi mi è capitato di ascoltare Radio Reporter con Emilio Bianchi e l’oroscopo del mattino dell’astrologo Valerio Ramponi, purtroppo mancato a causa di un incidente stradale, ma le mie “radio del cuore-deejay” preferite erano Daniela Casati e Giuliana Pedroli. Qualche anno dopo in ufficio la radio era sintonizzata su Radio RTL 102.5 e mi piaceva particolarmente l’accoppiata Conte Galè e Fabrizio Ferrari nella trasmissione “Miseria e Nobiltà”.

Ora, invece, che sono entrata negli “anta” e ho messo la testa a posto la mia radiosveglia è sintonizzata su Virgin Radio e mi svegliano Dr. Feelgood e Massimo Cotto con “Rock and Talk” (dal lunedì al venerdì dalle 6:30 alle 9:00) e mentre vado a lavorare ascolto le opinioni sagaci e argute del “Cavaliere Nero” Antonello Piroso.

Pensare che qualche anno prima che io nascessi esisteva solo Radio Rai! Fortunatamente giovani audaci si sono incaponiti e ci hanno regalato questo gioiello che sono le radio libere! Grazie di cuore a chi tutti i giorni fa questo lavoro e ci tiene compagnia, un tesoro inestimabile.

La Radio – Eugenio Finardi

Quando son solo in casa

E solo devo restare

Per finire un lavoro

O perché ho il raffreddore

C’è qualcosa di molto facile

Che io posso fare

Accendere la radio

E mettermi ad ascoltare

Amo la radio perché arriva dalla gente

Entra nelle case e

Ci parla direttamente

E se una radio è libera

Ma libera veramente

Mi piace anche di più

Perché libera la mente

Con la radio si può scrivere

Leggere o cucinare

Non c’è da stare immobili

Seduti lì a guardare

E forse è proprio quello

Che me la fa preferire

È che con la radio non si smette di pensare

Amo la radio perché arriva dalla gente

Entra nelle case e

Ci parla direttamente

E se una radio è libera

Ma libera veramente

Mi piace anche di più

Perché libera la mente

Amo la radio perché arriva dalla gente

Entra nelle case e

Ci parla direttamente

E se una radio è libera

Ma libera veramente

Mi piace anche di più

Perché libera la mente

Eugenio Finardi “La Radio “

Credits:

Writer(s): Eugenio Finardi, Lucio Fabbri

Lyrics powered by http://www.musixmatch.com

Pubblicità

2 risposte a "La mia Radio"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑

Poesia&Cultura

Nosce te Ipsum (Socrate)

librini

Books: what they say, what I say

RIVA OMBROSA

Quando si ama si dona

Un libro sul menù

Vivi anche tu di lettura?

Monica e lo Scrapbooking

Trovate tutorial e suggerimenti per creare con le vostre mani. Tutto sullo Scrapbooking.

Ontologia, psicoanalisi, logica. Personale docente Università degli studi di Verona

Logica, filosofia della scienza. Psicoanalisi clinico didattica.

ti consiglio un libro...

Un blog per tutti gli amanti della lettura...e non solo!

I consigli librosi di Maria

Recensione delle ultime novità in libreria. Libri, ebook e nuove letture. Recensioni e interviste

wwayne

Just another WordPress.com site

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

marisa salabelle

Quando finalmente i vigili del fuoco ebbero sfondato la porta, l’odore, che fino a quel momento era filtrato attraverso gli spiragli, si diffuse per tutto il pianerottolo. La signora Lotti, che abitava nell’appartamento di fianco, fece un passo indietro; i volontari della Misericordia entrarono con la barella; Lorella strinse il braccio di suor Maria Consolazione.

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Blog di una Nerd Onnivora

Ossessionata da: Libri, Manga e Caffè

PENNALIBRI

A U T R I C E

SCEGLI TU...POI TI CONSIGLIO IO

"IL MONDO SAREBBE UN POSTO MIGLIORE, SE UNO DEI CINQUE SENSI FOSSE STATO L'IRONIA"

CartaCuorePenna

Ciò che scrivi con il cuore non sarà mai sbagliato!

Debbie_soncini

Promozione libri sui social (Instagram @debbie_soncini ) Email: debora.soncini90@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: